Rigenerazione Urbana

Rigenerazione Urbana

Gioco e Partecipazione

Gioco e Partecipazione

Urbanismo Tattico

Urbanismo Tattico

Progettazione Inclusiva

Progettazione Inclusiva

Comunicazione Urbana Alternativa

Comunicazione Urbana Alternativa

Notice

The was a problem converting the source image.

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/Foto Extrapedestri

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/Foto FLPP

Transtomate-Tómate la ciudad + Reclaim the street

Evento ludico organizzato in occasione della Massa Critica Pantumacona 2016.

 

DOVE  Barcellona - Espai Germanetes

QUANDO  Maggio 2016

CHI   Ciclisti partecipanti alla Pantumacona, di tutte le età

COLLABORATORI  Massa Critica Barcelona. 

 

IL PROGETTO

 Evento ludico di sensibilizzazione sul tema della ciclabilità urbana, basato su due interventi temporanei indipendenti ma complementari. Il primo, statico, di riconquista di uno spazio attraverso un laboratorio di disegno al terra in spazi ampi; il secondo, più effimero e dinamico, di rivendicazione creativa del diritto alla ciclabilità attraverso un gioco urbano strutturato sul superamento di prove libere da affrontare nella città.

 

DISPERSIONE ZERO (MONTE ROSELLO ALTO)

Percorso laboratoriale che ha portato alla trasformazione di uno spazio di passaggio dimenticato e inospitale in un micro spazio pubblico di prossimità.

 

DOVE   Sassari - Quartiere di Monte Rosello Alto

QUANDO  2015

CHI  Bambini e insegnanti dell’Istituto comprensivo Monte Rosello Alto, abitanti del quartiere di Monte Rosello.

COLLABORATORI  Paola Bazzu, José Del Toro, Fabio Solinas.

 

IL PROGETTO

Attraverso il progetto DISPERSIONE ZERO, gli alunni a rischio di abbandono scolastico dell’istituto comprensivo del quartiere di Monte Rosello Alto sono stati protagonisti di un percorso laboratoriale che ha portato alla trasformazione di un ampio marciapiede sotto-utilizzato in un piccolo spazio pubblico di prossimità.
I ragazzi, affiancati da numerosi abitanti del quartiere (non solo genitori), hanno dunque non solo ideato ma anche realizzato materialmente l’intervento di trasformazione spaziale, grazie all’allestimento della piccola falegnameria all’interno della quale sono stati costruiti gli elementi di arredo urbano e all’organizzazione di un cantiere di auto-costruzione della durata di due giorni durante il quale lo spazio è stato ricolorato e allestito.

 

EXTRAPEDESTRI-Lasciati conquistare della mobilità aliena

Progetto pilota di promozione del diritto ad una mobilità piena, autonoma e sicura degli abitanti.

 

DOVE   Sassari - Quartieri di Monte Rosello Alto e San Donato

QUANDO   2015

CHI   Scuole, abitanti, amministratori, stakeholders (UILDM, UFHa, gruppi organizzati di ciclisti urbani, UISP, Donne in Carrelas, Noi Donne 2005, Centro Nascita Serena, Theatre en Vol).

COLLABORATORI  José Del Toro, Nanni Campus, Sabina Selli, Gianna Fancello, Roberta Guido

 

IL PROGETTO

Extrapedestri è un progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, promosso dal Comune di Sassari e realizzato da TaMaLaCà S.r.l in collaborazione con Le Ragazze Terribili Soc. Coop. a R.L.

Il progetto si è concentrato su due quartieri della città di Sassari caratterizzati da due tipologie di problemi che, in maniera diversa, ostacolano il diritto a muoversi in autonomia e sicurezza degli abitanti: traffico e velocità delle auto da una parte e consumo di suolo pubblico da parte delle auto in sosta dall’altra. Nell’ambito del progetto sono state promosse tre famiglie di azioni (1.interventi di trasformazione degli spazi pubblici dei due quartieri; 2. Realizzazione, in collaborazione con gruppi di abitanti e associazioni, di eventi di sensibilizzazione; 3. Campagna di comunicazione urbana), accomunate, oltre che dall’obiettivo, anche dalla cornice narrativa costruita per l'occasione. 

Giocando con il tema dell’invasione aliena, abbiamo immaginato l’arrivo di un simpatico equipaggio alieno, arrivato da uno dei pianeti più “smart” dell’Universo per convincere i sassaresi ad adottare forme più evolute di mobilità. Ci saranno riusciti? 

Per sapere qualcosa di più sulla loro missione, visitate il blog:

http://extrapedestri.blogspot.com.it/

 {gallery}Foto Extrapedestri{/gallery}

 

IL GIARDINO CHE NON C’E(RA)

Progettazione partecipata e micro-intervento in auto-costruzione per il recupero di un cortile scolastico.

 

DOVE  Sassari - Scuola primaria e dell’infanzia di Via Gorizia

QUANDO  2013

CHI  Scuola primaria e dell’infanzia di Via Gorizia (Sassari), struttura residenziale comunale per   anziani “Casa Serena”, abitanti del quartiere.

COLLABORATORI Chiara Soletta, Fabrizio Moro, Andrea Faedda, Gianna Fancello, Marco Sironi, Fausto Satta.

 

IL PROGETTO

Il progetto consiste nell’organizzazione di un cantiere di auto-costruzione della durata di tre giorni, finalizzato alla realizzazione di un piccolo intervento di ri-colorazione e riallestimento di un angolo dimenticato del cortile scolastico della scuola primaria e dell’infanzia di Via Gorizia, a Sassari. 

Un' ipotesi di massima di riorganizzazione spaziale è stata definita da circa 60 bambine e bambini della scuola primaria (6-10 anni) che hanno partecipato ai laboratori di progettazione partecipata.

Il progetto, a bassissimo costo, consiste nell’allestimento della “quinta” del piccolo spazio - una parete resa “interattiva” grazie all’uso delle lavagne di ardesia ormai dismesse – nella realizzazione di piccoli orti mobili e nella realizzazione di alcune sedute, anch’esse mobili, a partire da materiali di risulta.

Il cantiere di auto-costruzione ha visto coinvolti, oltre alla squadra di Tamalacà, insegnanti, genitori, abitanti del quartiere, studenti del Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica di Alghero e – nella fase finale, dedicata alla piantumazione – anche le bambine e i bambini della scuola e gli abitanti della struttura residenziale comunale per anziani “Casa Serena”, situata nei pressi della scuola stessa.

Per saperne di più, guarda il video!

> IL GIARDINO CHE NON C'È(RA)

 

MicroBodies in MicroUrbanSpaces

Evento ludico di sensibilizzazione sul diritto alla mobilità senza auto

 

DOVE Sassari - Strade del Centro Storico della città.

QUANDO 2014

CHI Bambine e Bambini Della Scuola Primaria di San Donato

COLLABORATORI  Nanni Campus, Nađa Beretic, Theatre en vol.

 

IL PROGETTO

MicroBodies in MicroUrbanSpaces è un evento ludico che invita a riflettere sulla città a misura di bambino, e quindi sulla città a misura di tutte e tutti. Ispirato alla performance urbana “Bodies in Urban Spaces” (http://www.ciewdorner.at/index.php?page=work&wid=26), rende i bambini protagonisti attivi di un'esperienza simile, mettendo in relazione i loro corpi con gli spazi e gli elementi urbani. Il problema della città a misura di bambino  emerge durante il gioco, gli scatti che rimangono ne sono una testimonianza attiva e giocosa.

 

 

Give your website a premium touchup with these free WordPress themes using responsive design, seo friendly designs www.bigtheme.net/wordpress